• Deakos

Azione del D-mannosio a livello di transito intestinale.


"Il D-mannosio è uno zucchero, che a differenza del glucosio o del saccarosio non viene trasformato in “calorie”, si parla cioè di “monosaccaride non assimilabile”.

Il D-mannosio arriva all’intestino integro, senza essere in alcun modo modificato.

Passa attraverso il sangue e arriva in vescica tramite filtrazione renale, pronto per legarsi ai batteri patogeni in cui si imbatte ed eliminarli attraverso le urine. Il fatto di non essere assimilabile è il grande vantaggio di questa sostanza e la rende efficace nella lotta alle cistiti croniche.

Il rovescio della medaglia è che gli zuccheri non digeriti che arrivano nell’intestino possono provocare meteorismo o episodi di dissenteria nel corso dei primi giorni di assunzione; il nostro organismo si abitua di solito in fretta a questo cambiamento.

E’ vero che alcune persone sono più sensibili, per varie motivazioni: disbiosi intestinale da eccessivo utilizzo di antibiotici, stitichezza cronica, intolleranza al glutine o al lattosio, candidosi intestinale, alimentazione squilibrata, etc.- I malesseri in questo caso non potranno essere imputati alla sola assunzione di D-mannosio.

Ecco dunque alcuni accorgimenti da seguire nel caso in cui le prime assunzioni diano dei fastidi:

- non superare un grammo per assunzione (che è poi in effetti la quantità ideale);

- non assumerlo in modo troppo ravvicinato (ogni 2-3 ore è sufficiente, anche in caso di episodio acuto);

- accompagnarne l’assunzione con dei probiotici. Ricordiamo che questi ultimi vanno presi poco prima del pasto, mentre il mannosio sempre a stomaco vuoto (un’ora prima del pasto-due ore dopo il pasto);

- limitare alimenti che provocano fermentazione (lieviti, funghi, legumi, cavolo, etc) per evitare ulteriori problematiche intestinali e, in linea generale, curare al meglio l’alimentazione;

- evitare bevande eccessivamente mineralizzate.

Se neanche questi accorgimenti dovessero bastare, consigliamo di preferire D-mannosio in forma orosolubile, il D-Mannoro: l’assorbimento infatti avviene nel momento in cui il contenuto della bustina viene sciolto sotto la lingua, non passa dall’intestino e non ha bisogno di acqua.

Anche l’azione sulla vescica è quindi molto più rapida (circa mezz’ora) e per questa caratteristica è indicato in caso di cistiti post-coitali e in presenza di Proteus."

#cystiteetcompagnie #deakos #dmannosio #disbiosi #dmannoro #ausilium #cistite




2 visualizzazioni